I ribelli Houthi hanno rilasciato un video che, sostengono, mostri il momento dell’abbatimento di un F-15S sullo Yemen (gli F-15S sono velivoli prodotti dagli USA per l’Arabia Saudita). Dal video sembrerebbe che i militanti abbiano rintracciato il velivolo utilizzando un sensore della FLIR Systems, che dispone di una telecamera per la ricerca di fonti di calore.

f-15s dell'arabia saudita
F-15S della Royal Saudi Air Force (Aeronautica dell’Arabia Saudita).

Esattamente l’8 gennaio 2018, gli Houthi hanno rilasciato la ripresa tramite la rete televisiva Al Masirah. Una dichiarazione separata da Saba News Agency afferma che l’abbattimento è avvenuto tramite un missile terra-aria non specificato (il video completo mostra anche la torretta del sensore su un supporto di terra improvvisato). L’ F-15S sembra aumentare la velocità  prima che un missile lo colpisca, causando danni evidenti (parte del velivolo viene proiettato all’esterno) ma nei secondi successivi l’F-15S sembrebbe continuare nella stessa direzione, apparentemente senza danni.

L’agenzia di stampa statale dell‘Arabia Saudita ha confermato l’incidente, ma ha affermato che è stato il risultato di un guasto tecnico, non di un’azione nemica. Sembrebbe che la coalizione saudita abbia recuperato i due piloti del velivolo.

Nell’Ottobre 2017, gli Houthi abbatterono un drone MQ-9 Reaper dell‘USAF in sorvolo sullo Yemen. In quel caso il drone fu abbattuto da un MANPADS.
Ci sono comunque poche informazioni su quale sistema d’arma potrebbe essere stato usato dagli Houthi o su come hanno collegato la torretta FLIR direttamente a quel sistema (se così è stato)

Gli Houthi sostengono anche di aver riattivato almeno un sistema missilistico terra-aria della SA-2 Guideline, incluso il suo radar di controllo del fuoco. Il gruppo ha detto di aver usato il sistema per abbattere un drone americano nel gennaio 2016, ma questa affermazione rimane priva di prove.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Solve : *
27 + 17 =